NEWS

News proveniente da sosfanta

7 Luglio 2019 11:30

VERETOUT, DA «BUFFONE» AGLI ALTRI INSULTI IN RITIRO: LA CAVIGLIA ORA NON PREOCCUPA

Alta tensione a Moena, nel ritiro della Fiorentina, attorno a Jordan Veretout. Lo ha scritto La Gazzetta dello Sport nel raccontare la giornata del centrocampista che vuole andare via: “La seduta si è svolta davanti a circa 200 tifosi presenti. Al primo passaggio della squadra, applausi al gruppo viola e un paio di insulti al calciatore. «Buffone» ha gridato qualcuno, «Che sei venuto a fare» ha detto un altro. Senza ottenere risposta dal francese. Episodi isolati. E durati un lampo. Frutto non solo della richiesta di cessione ufficializzata dallo stesso d.s. Pradè a mezzo stampa. Ma anche di un finale di stagione, quello passato, che ha indispettito alcuni tifosi viola. Che hanno visto un calciatore a loro dire irriconoscibile rispetto al leone ammirato per oltre un anno e mezzo. Considerando le prestazioni mediocri un antipasto della richiesta di cessione. Il resto dell’allenamento non ha registrato ulteriori sussulti ambientali. Veretout ha svolto interamente il lavoro con impegno: anche se la parte finale di una seduta durata oltre due ore ha visto il francese toccato duro alla caviglia in un’azione di gioco. Dolore pungente e smorfia sul volto, prima di indicare a Montella il punto colpito. Veretout ha comunque terminato l’allenamento uscendo con le sue gambe pur zoppicando leggermente. Il dolore passerà, la voglia di provare una nuova sfida invece, resta. E fortissima”.