NEWS

News proveniente da sosfanta

28 Ago. 2019 08:15

ATALANTA, ECCO ARANA: TUTTO PER IL FANTACALCIO, COSA CAMBIA PER GOSENS E CASTAGNE

Guilherme Arana è l’ultimo acquisto dell’Atalanta, il rinforzo che mancava. Un acquisto alla Sartori, ovvero un giovane pescato in Europa. Il terzino è arrivato ieri sera in Italia, oggi è il giorno dell’ufficialità.

Arana è un esterno puro, di piede mancino. Nasce come terzino sinistro, ruolo che ha sempre ricoperto in Brasile. Ma come capita a molti terzini brasiliani, quando è venuto in Europa è stato schierato più avanti, da centrocampista sinistro. È quindi perfetto per il 3-5-2 di Gasperini, può fare l’esterno a tutta fascia. Rispetto ad esempio ad Hateboer e Gosens è un giocatore molto meno fisico (alto 1,76) ma con buona tecnica. Dovrà lavorarci molto Gasperini, che è specializzato negli esterni: può avere bisogno di tempo, vanno imparati movimenti precisi e dovrà pure adattarsi all’Italia e conoscere la lingua. 

Guilherme era considerato un grandissimo talento ai tempi del Corinthians, dove è cresciuto. Lo volevano tante big anche in Italia, compresa l’Inter, poi è andato al Siviglia per 11 milioni nel gennaio 2018. In Spagna, però, ha giocato pochissimo: tre presenze in Liga da gennaio a maggio 2018, solo 9 nell’ultima stagione. L’ultima da titolare a ottobre, da subentrante il 2 febbraio. Non gioca da tempo, avrà bisogno di diverse settimane per carburare.

Il potenziale c’è, è un esterno che vede anche la porta: 2 gol in 25 partite al Siviglia e 4 in 58 al Corinthians, più diversi assist. È ancora giovane, perché è un classe ’97, e arriva all’Atalanta come scommessa. In prestito secco con diritto di riscatto a 9 milioni.

In tanti ora si chiedono come giocherà l’Atalanta sugli esterni e che coppie prendere, perché una certezza era la coppia Castagne-Gosens. Arana è mancino, quindi giocherà a sinistra. In linea di massima le due coppie sono: Hateboer e Castagne a destra, Gosens e Arana a sinistra. Ma attenzione: se c’è una partita importante e Gosens è indisponibile, molto probabilmente giocherà Castagne a sinistra e non Arana. Insomma, il ballottaggio tra Castagne e Gosens continuerà. Quello che è certo è che quando riposerà Hateboer, ogni tanto con la Champions farà anche lui turnover, giocherà Castagne a destra. Il belga fa quindi sia il vice Hateboer che il potenziale titolare a sinistra, dividendosi ancora con Gosens (vanno a periodi, a seconda di chi è più in forma). Rispetto all’anno scorso potrebbe esserci più alternanza, anche sulla destra. La società ha voluto prendere un mancino perché Castagne è destro, quindi almeno quando non gioca Hateboer può giocare sulla sua fascia preferita.

Arana in teoria parte come quarta scelta, anche perché è meno rodato rispetto agli altri. Gosens, Castagne e Hateboer hanno tutti avuto un periodo di inserimento prima di diventare dei punti di forza della squadra, anche il brasiliano potrebbe partire dalle retrovie per poi diventare un giocatore importante anche al fantacalcio, se l’Atalanta lo confermerà in futuro. Per il presente, invece, la sua posizione è “scomoda”: una coppia Gosens-Arana è rischiosa, perché se poi gioca Castagne a sinistra rimanete “fregati”. Vale un po’ il discorso dei tre dietro, non ci sono coppie fisse e se prendete ad esempio Skrtel e Palomino rischiate che in una partita giochino Toloi, Djimsiti e Masiello. Considerando Hateboer una certezza, ovvero quello che ne giocherà di più, poi si può ancora pensare alla coppia Castagne-Gosens: uno dei due giocherà quasi sempre. Difficile infatti che Arana diventi titolare subito. Se avete già preso all’asta quei due esterni, quindi, potete tenerli e non fare cambi. Come ipotesi più economica, in una lega a 10-12, si può anche pensare a Gosens-Arana, i due mancini. Anche perché Castagne sta comunque rientrando da un infortunio, tornerà dopo la sosta. Alla prossima contro il Torino Gasp dovrà gestire una piccola emergenza esterni, con solo Hateboer e Gosens a disposizione (Reca va alla Spal, Arana sarà appena arrivato).