NEWS

News proveniente da goal.com

15 Aprile 2018 08:40

MILAN-NAPOLI AD ALTA TENSIONE: GIOCA KALINIC, NON MILIK

Mateo Musacchio, Cristián Zapata, Arkadiusz Milik

Di nuovo a Milano dopo lo 0-0 contro l'Inter di poco più di un mese fa, ancora una volta il non ha alternative: deve sbancare San Siro. In caso contrario, il rischio è evidente: veder scappare in maniera probabilmente definitiva la Juventus, che affronterà la Sampdoria in contemporanea.

Ecco perché può essere una domenica decisiva per le sorti della lotta scudetto. I 4 punti che separano la capolista dal Napoli possono essere recuperabili, ma per farlo la banda Sarri non deve più sbagliare un colpo. Anche contro un ridimensionato dai due punticini racimolati nelle ultime tre giornate, ma che potrebbe tornare a -5 dal quarto posto dopo il pareggio dell'Inter e in attesa del derby romano.

Gattuso pare aver scelto: dovrebbe toccare a in vantaggio su André Silva e Cutrone nel solito ballottaggio che, domenica dopo domenica, coinvolge il perno centrale del tridente rossonero. Rinfrancato dalla rete al Sassuolo, l'ex viola ha voglia di farsi notare. Un pericolo in più per il Napoli.

Non l'unico, ovviamente. Da Suso a Çalhanoglu, dagli inserimenti di Kessié a quelli di Bonaventura, i pericoli possono spuntare da tutte le parti. Il vero punto interrogativo, semmai, è là dietro: giocheranno e due che ma che, quest'anno, sono scesi in campo in coppia in appena tre occasioni.

In casa Napoli, tutto deciso: la possibilità del 4-2-3-1, con Mertens leggermente più arretrato a favore dell'inserimento dello scalpitante è rimasta tale. E dunque sarà ancora 4-3-3, con il belga punta centrale e il pur calante Allan mezzala. Zielinski, entrato bene nel finale della gara col Chievo, ancora in panchina.

Anche Sarri, come Gattuso, ha un bel grattacapo: mancherà lo squalificato Mario Rui, sostituto naturale di Ghoulam, e dunque a sinistra traslocherà giocoforza Hysaj, con inserito dalla parte opposta. Se non altro, in mezzo alla difesa tornerà Albiol a far coppia con Koulibaly. E, in porta, Pepe Reina. Oggi avversario del Milan, domani alleato.