NEWS

News proveniente da sosfanta

4 Set. 2019 10:00

DONNARUMMA, LA GAZZETTA: “RIECCO RAIOLA PER IL CASO DELICATO DEL CONTRATTO”

E adesso c’è da sedersi al tavolo. La Gazzetta dello Sport questa mattina ha raccontato la situazione di Gigio Donnarumma con il Milan: “Il caso più spinoso riguarda Gigio, se non altro perché si parte da una base economica che non è più in linea con il nuovo corso della politica ingaggi rossonera. Con 6 milioni netti in busta paga all’anno, Donnarumma è per distacco il più pagato nella rosa: numeri alla mano, il top player della banda Giampaolo è lui. E come tale, Gigio questa estate è finito sul mercato.

La valutazione fatta negli uffici del Portello – non meno di 50 milioni – non ha trovato estimatori pronti a sostenere uno sforzo economico di quella portata: il Psg dell’ex d.t. rossonero Leonardo si è fatto avanti proponendo lo scambio con Areola e 20 milioni di conguaglio, salvo poi virare su Keylor Navas, passato dal Real ai francesi proprio grazie all’operazione rifiutata dal Milan. Da allora in poi, il tema del prolungamento del contratto di Donnarumma è tornato attuale. I tempi non stringono, perché Gigio è legato al Milan fino al 2021, ma tenere palla troppo a lungo potrebbe diventare rischioso.

Oggi che è tornato il sereno, il legame del «99» con i colori rossoneri potrà essere la carta da giocare per i dirigenti: Gigio al Milan sta bene e l’intenzione è quella di continuare a difendere la porta della squadra che lo ha cresciuto e che lo ha lanciato tra i grandi ancora 16enne. Affetto e stima sono pienamente ricambiati, visto che la società non ha mai nascosto di considerare Donnarumma una colonna della squadra: «L’idea di averlo con noi a lungo è la prima che ci passa per la testa», aveva spiegato Maldini. Il punto, allora, sarà trovare la formula giusta per andare avanti insieme: a oggi, immaginare che Raiola accetti di spalmare l’ingaggio o di ridurlo è uno scenario poco verosimile. Quel che è certo è che nei prossimi mesi agente e dirigenti si siederanno a parlarne”, si legge.