NEWS

News proveniente da sosfanta

30 Maggio 2019 20:00

DALLA PORTA ALL’ATTACCO, DA LUIS ALBERTO A CAICEDO E ROMULO: LAZIO, LE IDEE PER IL MERCATO

Aspettando di conoscere il futuro di Simone Inzaghi, la Lazio si muove già sul mercato, sia in entrata che in uscita. Dalla porta all’attacco, passando per difesa e centrocampo, sono diversi i giocatori in bilico tra i biancocelesti. Pochi dubbi sulla situazione dei portieri: Strakosha sarà confermato nelle vesti di primo e Proto sarà il suo vice. L’unica posizione da valutare resta quella di Guerrieri, che può andare in prestito per giocare con più continuità. La situazione comunque è definita al momento tra i pali.

DIFESA – Nel reparto arretrato, certi di restare Luiz Felipe, Acerbi e Radu; Bastos ha convinto, ma con offerte importanti può anche partire, non è tra gli incedibili della società. Ha invece deluso Wallace, finito sulla lista dei partenti dopo una stagione caratterizzata da più ombre che lui. I nomi su cui è focalizzato il direttore sportivo Tare per rinforzare la squadra dietro sono due: Bruno Viana del Braga e Davide Biraschi del Genoa. Valutazioni in corso in casa Lazio, ma il reparto non verrà stravolto, anzi.

CENTROCAMPORomulo si è conquistato il riscatto (2 milioni di euro al Genoa) sul campo e sarà confermato, così come capitan Lulic sulla corsia opposta. In bilico Marusic, che quest’anno ha giocato al di sotto delle aspettative, mentre Durmisi e Lukaku sono in uscita per completare il capitolo esterni di fascia. Il sogno per la destra è Lazzari, ma prima di affondare il colpo Tare vuole capire se Inzaghi sarà ancora l’allenatore della squadra. Badelj non ha convinto in pieno e può partire per offerte congrue al suo valore, ma i grandi punti interrogativi sono Milinkovic e Luis Alberto.

MILINKOVIC – La Juventus continua in questi giorni a lavorare per l’operazione Sergej Milinkovic-Savic. Nei giorni scorsi, Sky Sport ha raccontato di come ci sia già un accordo tra i bianconeri e il giocatore per un contratto da 5 anni, ma di mezzo ci sarà un ostacolo importantissimo chiamato Claudio Lotito che non fa sconti e punta a trattenerlo ancora alla Lazio. Insomma, non sarà facile procedere su questa strada ma la Juve ci sta provando. I bianconeri si presenteranno dalla Lazio con una prima offerta da 60 milioni di euro. Importante, ma considerata ancora insoddisfacente da Lotito, che valuta ancora Milinkovic sui 100 milioni di euro. Insomma, c’è distanza e l’accordo è ancora lontano ma è comunque un punto di partenza, visto che un anno fa non si era mai arrivati a sedersi intorno a un tavolo.

LUIS ALBERTOHa chiuso la stagione senza giocare, ufficialmente per un piccolo risentimento muscolare. Le foto condivise dallo stesso calciatore, hanno mostrato che era a Siviglia a un matrimonio. A Formello non hanno preso bene la sua assenza nell’ultima settimana di allenamenti. Come spiegato dal Messaggero, “il ds del Siviglia Monchi è pronto a riportarlo a casa. Luis Alberto spera nella magia per ritrovare il sorriso. Lo ha un po’ perso in quest’ultima stagione biancoceleste. Inizialmente penalizzato da uno scarso stato di forma e dai difensori italiani che avevano imparato a conoscerlo. Il nuovo ruolo di mezzala lo ha rilanciato. Alti e bassi. Un’altalena che ha influito in senso negativo anche per la qualificazione in Champions della Lazio. Lotito lo considera un altro gioiello e non è disposto a svenderlo. Piuttosto lo tiene un altro anno con il broncio”.

ATTACCO – Il posto di Pedro Neto verrà occupato da Adekanye, e fin qui non ci sono grandi novità. Ciro Immobile resterà, punto fermo dell’attacco biancoceleste, così come Correa. C’è invece Felipe Caicedo in uscita dalla Lazio. Come svelato dal Corriere dello Sport, il Panterone s’è “salvato” l’anno scorso, è rimasto, era in uscita. Quest’anno la decisione è presa, andrà altrove. E’ in scadenza nel 2020 e non rinnoverà, non s’è mai parlato di nuovi contratti. Caicedo punta a guadagnare un bel gruzzolo di milioni e gli Emirati Arabi possono fare al suo caso. Non è un mistero, la sua famiglia si trova molto bene a Dubai. I Caicedo vanno spesso in vacanza lì, ci vivrebbero per un paio di anni. Il Panterone va a caccia di uno degli ultimi contratti della carriera. Il nome caldo per sostituirlo è sempre quello di Wesley, vero e proprio pallino del ds biancoceleste. L’offerta è di 16 milioni, il Bruges chiede almeno 20, ma l’accordo non è impossibile. L’alternativa è Sanabria, che ha deluso nella parentesi al Genoa ma piace a Tare.