NEWS

News proveniente da sosfanta

7 Giugno 2019 09:45

DELLA VALLE: “CHIESA, SEGNATEVI QUESTA FRASE: COMMISSO LO SA BENE! PIOLI? INSPIEGABILE”

Il testamento calcistico dei Della Valle dopo la cessione della Fiorentina. Così Diego ha parlato in esclusiva al Corriere dello Sport, ripercorrendo le tappe alla guida del club viola: “Avevamo tre o quattro soluzioni, abbiamo scelto quella che ci sembrava la migliore. Rocco ha alle spalle JP Morgan, peraltro. Andrea voleva vendere, io la Fiorentina l’avrei tenuta… Sono stati diciassette anni pieni, quest’ultima fase, da febbraio, quasi drammatica e inspiegabile”. 

PIOLI – “Inspiegabile quanto il comportamento di Stefano (Pioli, ndr), le sue dimissioni ci hanno sorpreso. Stefano è una bravissima persona e un ottimo tecnico, per noi era l’ideale, se non se ne fosse andato l’avremmo tenuto, Andrea ed io eravamo d’accordo su questo punto. Mancavano meno di due mesi alla fine del campionato, c’era tutto il tempo per prolungare il contratto, dal nostro punto di vista il rapporto di fiducia non si era esaurito. In seguito Montella ha trovato una squadra svuotata, eppure i valori tecnici non mancano: Chiesa, Veretout, Pezzella, Muriel, Biraghi. Stefano proprio non l’ho capito, si sarà spaventato, il comunicato di risposta alle sue dimissioni l’ho voluto scrivere personalmente, anche per salvaguardarne l’immagine di fronte alla città, così come giorni fa ho scritto di mio pugno la lettera ai tifosi. Alle tre di notte, e mi trovavo nella mia camera a New York. Le correzioni, perfino i punti e le virgole, ho voluto che nessuno le toccasse, erano dei pensieri che dovevo trasmettere a una città che merita la giusta attenzione. Firenze è una realtà a parte, i tifosi sono tra i migliori d’Italia, ogni tanto qualche lenzuolo di protesta ma niente di più. A parte le tre, quattro piazze dormienti della Serie A mi dica lei quale piazza ha una tifoseria migliore… Certo, io non mi sento di dover fornire spiegazioni a nessuno. In particolare non le devo a chi ha cercato a più riprese di avvicinarsi a noi con suggerimenti, consigli, linee da dettare. Abbiamo sempre fatto di testa nostra, in piena autonomia”. 

SPESE – “In diciassette anni abbiamo messo quasi 300 milioni nella Fiorentina, per la precisione 285. Bilanci corretti, numeri chiari e documentati, non siamo mai ricorsi ad artifici quali plusvalenze gonfiate e altro. Se dovessi dare un voto a questa avventura, un voto tutto mio, per le emozioni e le soddisfazioni vissute, starei serenamente tra il 7 e l’8”.

CHIESA – “Cosa gli dico? Che deve restare e resterà almeno un altro anno. Io i contratti li rispetto e li faccio rispettare, Chiesa è centrale nel progetto Fiorentina sviluppato da Commisso. Lui non può presentarsi a Firenze senza Chiesa e lo sa bene. Se abbiamo scelto lui è perché siamo convinti di fare il bene della Fiorentina…». A un certo punto diventa criptico… «Non voglio finire cornuto e mazziato, si segni questa. Presto capirà, capirete”.

PRANDELLI – “L’ultima partita, quella col Genoa, l’ho trovata imbarazzante e non mi spingo oltre. Una non-partita. Posso comprendere la paura, ma non un atteggiamento come quello tenuto dalle due squadre. Svuotata, sì, la squadra era svuotata… Con Cesare avevamo trovato l’equilibrio ideale (sorride), la gente di Firenze amava lui e odiava noi, noi gli antipatici, lui quello simpatico. Ci stava. Quando ci dissero che aveva firmato per la Juve tenni duro. Cesare non sa che se arrivò alla Nazionale fu solo per merito di Andrea. Quando ci chiamò Abete io non l’avrei lasciato andare, Andrea mi convinse che era la cosa giusta da fare”.